Juventus Women: Martina Rosucci DNA Bianconero

Juventus Women: Martina Rosucci DNA Bianconero

1
70
martina rosucci

Tifosa juventina da sempre, talento della Nazionale, Martina Rosucci (centrocampista classe ’92) è uno dei motori della prima squadra femminile nella quale si distingue quanto a qualità tecnica e cattiveria agonistica. Martina in campo veste la numero 8, la stessa di un certo Claudio Marchisio

Adesso, dopo avere raccolto sabato scorso i primi tre punti storici contro l’Atalanta-Mozzanica, arriva la seconda sfida di campionato per lei e per tutte le nostre Women: la Juventus se la dovrà vedere sabato alle 15, sul campo “Ale & Ricky” di Vinovo, contro la Res Roma. Juventus TV (canale 212 di Sky) trasmetterà in esclusiva e in diretta il match corredato da un ricco pre e post partita: sarà una sfida da affrontare “a tutto gas” come amano dire le nostre Women. Proprio ai microfoni del canale ufficiale bianconero Martina si racconterà oggi, nell’intervista in onda alle 18, di cui riportiamo qualche anticipazione.

IL GRUPPO
«Sono molto contenta e molto positiva, il gruppo è giovane ed eterogeneo, con tante ragazze straniere: in pochissimo tempo siamo riuscite a creare la sintonia giusta».

COACH GUARINO
«Il Coach dà un’impronta ben precisa alla squadra, lavorando molto sui dettagli e sull’aspetto caratteriale. Siamo entrambe di Torino, ho avuto la possibilità di conoscerla ai tempi della Nazionale Under 17, e con lei ho instaurato un rapporto di stima e rispetto».

IL PRIMO GOL DELLA STORIA…
Martina è l’autrice del gol numero 1 della storia delle Juventus Women, in Coppa Italia contro il Torino: «Devo essere sincera: durante la partita non ci ho pensato. Poi, alla fine, fine quando mi hanno detto che avevo segnato il primo gol delle Juventus Women mi sono emozionata molto, per il valore che ha per me questa maglia».

TESTA ALLA RES ROMA
«La Res Roma è da sempre un avversario molto ostico, sono molto aggressive e giocano su questa loro caratteristica. Noi dovremmo essere lucide e cercare di fare il nostro gioco, trovando il momento giusto per colpire. Si tratta di un match casalingo, ci sarà un po’ di emozione, e sarà importante il pubblico per darci la carica giusta per vincere».

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here