Sportdonna interview – Azalee, Barbini: “Il calcio è una luce nei momenti bui”

Difensore, classe 1998, è uno dei punti di forza della Azalee, squadra che disputa il Girone C di Serie B

0
127
azalee-barbini

Gaia Barbini, difensore della Azalee classe 1998, è sicuramente uno dei prospetti più interessanti nella rosa della squadra di Gallarate. Nonostante abbia già indossato le maglie delle Nazionali giovanili, Barbini resta coi piedi per terra e pensa al presente. Conosciamola meglio in questa intervista rilasciata ai nostri microfoni, poco dopo la sfida di Coppa Italia tra Azalee e Brescia.

Cosa rappresenta il calcio nella tua vita?
“Il calcio nella mia vita è un elemento fondamentale, perché fin da piccola adoravo questo sport e nonostante io ne abbia provati diversi, il calcio era la mia unica e vera passione. Era l’unico sport che riusciva a darmi grandi emozioni e gratificazioni. Era quella luce che mi aiutava in momenti bui e tuttora è così”.

Quali sono state le tue emozioni durante la partita di Coppa Italia contro il Brescia?
“Durante la partita disputata con il Brescia già dall’inizio ero emozionata all’idea di confrontarmi direttamente con delle ragazze con esperienza, nonché con nomi importanti nel calcio femminile italiano. Nonostante il risultato però, sono rimasta contenta di questa partita e della mia squadra”.

Com’è stato incontrare nuovamente alcune ragazze che avevi in squadra nella Nazionale U17 e U19?
“Incontrare di nuovo le ragazze che giocavano con me in nazionale è stato molto bello perché non le vedevo da un po’ di tempo. Soprattutto, ogni volta che vedo una di loro mi riaffiorano nella mente tutti i ricordi di quella bellissima esperienza che è la Nazionale. Ognuna di loro a modo proprio mi ha lasciato di sicuro qualcosa”.

Quali obiettivi calcistici hai per il tuo futuro?
“Sinceramente non so ancora di preciso quali sono i miei obbiettivi calcistici. Il futuro è ancora lungo, non voglio impormi obbiettivi che per ora non ritengo miei. Si vedrà, ora l’importante per me è finire al meglio questo Campionato con la mia squadra”.

Hai un modello al quale ti ispiri quando giochi?
“Dal passato, sicuramente Alessandro Del Piero, grande giocatore, umile ma che sapeva il fatto suo. Oggi invece prendo ispirazione da Cristiano Ronaldo, a mio parere anche lui molto umile per chi conosce la sua vita al di fuori del contesto calcistico, e soprattutto un fenomeno assoluto del calcio mondiale”.

LASCIA UN COMMENTO